Ultima modifica: 4 Novembre 2010

Tratto da: RADIORIVISTA 1 / 2001 pag.24Quanti di noi OM autocostruttori si sono trovati in difficoltà a causa di perdite

4 Novembre 10 Articolo

PROVACONDENSATORI

Tratto da: RADIORIVISTA   1 / 2001  pag.24

Quanti di noi OM autocostruttori si sono trovati in difficoltà a causa di perdite, anche modeste, attraverso i dielettrici delle capacità in uso nei circuiti ?
Negli apparati che usano tensioni  di lavoro in corrente continua medio-alte la prova di perdite  è abbastanza semplice:
Infatti basta sollevare il capo del condensatore ove non è applicata tensione, e interporre un voltmetro per msurare la tensione di perdita.
La situazione è più critica nei circuiti oscillatori:
Infatti a volte le oscillazioni si smorzano appena le tensioni a radiofrequenza iniziano a riscaldare il dielettrico in perdita.
La situazione peggiora quindi con le tensioni in alternata a qualunque frequenza.
Inoltre parecchi di noi tengono in cassetto capacità di antica costruzione da usare, ad esempio, per il restauro di apparecchiature d’epoca, con qualche cattiva sorpresa al momento del collaudo di funzionamento dell’apparato.

Un progetto di realizzazione per uno strumento di prova al banco dell’isolamento del dielettrico delle capacità mi fu sollecitato da un meccanico restauratore di moto d’epoca che avvertiva l’esigenza.di testare la efficienza del condensatore posto sulle punte platinate dello spinterogeno, senza doverlo smontare.

Link vai su